Ricorso di parte e controdeduzioni dell'ufficio: brevi note concettuali

di Massimiliano Manni

Il ricorso alla Commissione tributaria, per l’impugnazione di uno degli atti compresi nell’art. 19 del D.lgs 546/92 emessi o non emessi dagli uffici fiscali andrebbe effettuata per motivi analitici specifici.
Il contribuente, dovrebbe, difatti, impostare il ricorso in maniera analitica, esponendo in primis il fatto storico generale d’insieme.
Successivamente, andrà esposto il fatto analitico, esplicitandolo nelle deduzioni di parte, queste ultime, composte da motivi  e questioni.
Per motivi, si intenderanno le mere esplicitazioni di chiarimento, mentre, le questioni, completeranno la motivazione nei fatti controversi a favore del contribuente.
Sarà anche opportuno esporre ulteriormente il diritto analitico degli stessi fatti, inquadrando quest’ultimo giuridicamente, e specificando anche qui, i motivi e le questioni.
Infine, nel petitum, si chiederà o l’annullamento dell’atto o il ridimensionamento dello stesso in merito ai punti di forza sopra esposti, ovvero la causa petendi composta dal sia dal fatto che dal diritto, entrambi analitici.
Ovviamente, i punti del fatto analitico e del diritto analitico saranno strettamente connessi tra loro, in quanto aventi un identico oggetto.
L’ufficio, che riceverà il ricorso si troverà avvantaggiato nella redazione delle controdeduzioni previste dall’art. 23 del citato delegato 546/92.
Difatti, nelle stesse, oltre ad essere esplicitato il fatto storico ai fini generali, si dovrà esporre, di contro, il fatto analitico, anche qui, con i motivi e le eccezioni.
Le eccezioni saranno identificate in quelle parti che contro questioneranno le questioni del contribuente, ed insieme ai motivi daranno le controdeduzioni.
Gli stessi motivi dovranno essere analiticizzati nel diritto analitico inquadrando i fatti giuridicamente  con i motivi e le eccezioni, ed insieme essere utilizzate come una sorta di controdomanda ai fini della repulsione del ricorso.
Queste motivazioni d’insieme delle parti (sia nel rito che nel merito) daranno modo alla Commissione tributaria, di evidenziare i punti delle parti assorbenti non contestati dalle parti stesse e, correlativamente si potrà verificare velocemente la formazione del giudicato.
Inoltre, ad esempio, anche in un eventuale appello di parte si potranno subito evidenziare i punti non accolti dai giudici per essere riproposti e non rinunciati (cfr. art. 56 del Dlgs 546/92).

 

 

ESEMPIO 1

CONTRIBUENTE-RICORRENTE

 

Alla Commissione Tributaria di….

 

A)Fatto storico generale

…………………………………………

 

MOTIVAZIONI ATTINENTI IL RITO

B) Fatto analitico

1. Deduzioni (Motivi – Questioni)
…………………………………..
2. Deduzioni (Motivi – Questioni)
…………………………………..
3. Deduzioni (Motivi – Questioni)

 

C) Diritto analitico

1. Deduzioni (Motivi – Questioni)
…………………………………..
2. Deduzioni (Motivi – Questioni)
…………………………………..
3. Deduzioni (Motivi – Questioni)

 

MOTIVAZIONI ATTINENTI IL MERITO

D) Fatto analitico

1. Deduzioni (Motivi – Questioni)
…………………………………..
2. Deduzioni (Motivi – Questioni)
…………………………………..
3. Deduzioni (Motivi – Questioni)

 

E) Diritto analitico

1. Deduzioni (Motivi – Questioni)
…………………………………..
2. Deduzioni (Motivi – Questioni)
…………………………………..
3. Deduzioni (Motivi – Questioni)

 

DOMANDA

  1. Si chiede di…………….in riferimento a B1,B2.. e C1,C2...
  2. Si chiede di…………….in riferimento a D1,D2.. e E1,E2..
  3. ……………

ESEMPIO 2

 

PER L’UFFICIO

 

Alla Commissione Tributaria di….

 

A) Fatto storico generale

……………………………………….

MOTIVAZIONI ATTINENTI IL RITO

B) Fatto analitico

1. Controdeduzioni (Motivi – Eccezioni)
…………………………………..
2. Controdeduzioni (Motivi – Eccezioni)
…………………………………..
3. Controdeduzioni (Motivi – Eccezioni)

 

C) Diritto analitico

1. Controdeduzioni (Motivi – Eccezioni)
…………………………………..
2. Controdeduzioni (Motivi – Eccezioni)
…………………………………..
3. Controdeduzioni (Motivi – Eccezioni)

 

MOTIVAZIONI ATTINENTI IL MERITO

D) Fatto analitico

1. Controdeduzioni (Motivi – Eccezioni)
…………………………………..
2. Controdeduzioni (Motivi – Eccezioni)
…………………………………..
3. Controdeduzioni (Motivi – Eccezioni)

 

E) Diritto analitico

1. Controdeduzioni (Motivi – Eccezioni)
…………………………………..
2. Controdeduzioni (Motivi – Eccezioni)
…………………………………..
3. Controdeduzioni (Motivi – Eccezioni)

 

CONTRO-DOMANDA

  1. Si chiede di…………….in riferimento a B1,B2.. e C1,C2…
  2. Si chiede di…………….in riferimento a D1, D2 e E1,E2.
  3. ……………

Massimiliano Manni